Profile Picture

avatar
Drssa Pollyanna ZamburlinBiologa Nutrizionista

È più difficile mangiare con moderazione che digiunare completamente. La moderazione richiede la consapevolezza. La rinuncia richiede solo la tirannia della volontà.

SANDOR MCNAB

Qualcosa su di Me

Mi chiamo Pollyanna Zamburlin, sono una biologa nutrizionista regolarmente iscritta all’albo professionale (N° AA_066490). Mi sono laureata cum laude in Scienze Biologiche nel 1999 a Torino, successivamente ho conseguito il titolo di dottore di ricerca in Neuroscienze presso la stessa Università (2005) e un Master Universitario in Nutrizione e Dietetica Umana presso l’Università Politecnica delle Marche (2013) con il massimo dei voti e la lode.
Continuo ad aggiornarmi seguendo corsi e consultando la più recente letteratura scientifica inerente alle problematiche e tecniche che riguardano la nutrizione umana.
Esercito la libera professione presso studi medici e centri polispecialistici previo appuntamento, se le condizioni lo richiedono sono disponibile anche per visite a domicilio. Eseguo trattamenti dietetici personalizzati sia per condizioni fisiologiche che patologiche.
Potete consultare il mio percorso formativo e lavorativo più in dettaglio qui.
Non esiste la dieta perfetta, la regola universale, la soluzione unica e vera per tutti. Esistono tante diete possibili ovvero quelle che meglio si adattano al nostro organismo, alla nostra vita, ai nostri gusti e possibilità: i compromessi per noi accettabili che ci permettono di vivere in salute. In questa accezione più ampia il termine dieta va proprio inteso in senso stretto, vale a dire, “modo di vivere”. Decidendo di affidarvi a un Biologo Nutrizionista avete intrapreso un cambiamento di vita e di abitudini. La dieta la costruiremo insieme, mese dopo mese, fino a traguardo raggiunto e consolidato; allora sì che sarà perfetta anzi vi sarà cucita addosso.
Durante tutti i colloqui utilizzo tecniche di ascolto attivo per poter comunicare al meglio con voi e comprendere a fondo i vostri bisogni e necessità in modo da poter stilare insieme un percorso condiviso. L’ascolto attivo, a mio giudizio e per la mia esperienza personale e professionale, è indispensabile per costruire un clima di fiducia e favorire il vostro diretto coinvolgimento al cambiamento che state per intraprendere.
Il mio lavoro è importante e ancora di più lo è la mia famiglia ma per formazione e indole (e forse destino) necessito di dover spostare l’attenzione altrove a volte. Così sono da anni consulente scientifico del Centro Studi Internazionale Primo Levi di Torino per cui mi occupo di tutto ciò che ha a che vedere con la ricezione dell’opera dello scrittore torinese, mio amato concittadino e autore, in seno al mondo scientifico e la divulgazione dei suoi racconti fantascientifici. Inoltre, coltivo l‘hobby della fotografia, un po’ a singhiozzo perché purtroppo il tempo è sempre tiranno (se volete curiosare mi trovate qui). Non disdegno la buona cucina  e in questo sono molto fortunata vivendo con un ottimo chef (a tal proposito lo potete trovare qui).  Comunque sia non disdegno affatto trascorrere del tempo tra le pentole soprattutto se diventa il pretesto per combinare qualche disastro culinario con i miei figli che, ahimè, sono già cresciuti troppo per i miei gusti.
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

La Mia Mission

Il cibo non è solo nutrimento per il corpo ma anche per l’anima e la mente. Se vogliamo incontrare dei cari amici organizziamo una bella cena come evento per trascorrere del tempo insieme. Se vogliamo instaurare un rapporto più intimo con una persona che ci interessa, quale occasione migliore della condivisione di un pasto da noi preparato o condiviso in un bel ristorante? Se bisogna celebrare un evento allora sicuramente sarà l’occasione per cucinare un piatto importante. E quando uno dei nostri cari necessita di attenzioni particolari noi lo coccoliamo preparando il suo piatto più gradito. Spesso incappiamo nell’errore di gratificare i nostri figli attraverso il cibo. Ancora più spesso gratifichiamo noi stessi: al termine di una giornata stressante, a conclusione di una settimana lavorativa, se abbiamo problemi di cuore e così via. Il cibo è vita sociale, è la zona di conforto, a volte è un pensiero ossessivo.
E allora quanto potrebbe essere importante per voi imparare a gestire in armonia una alimentazione equilibrata che non prevede rinunce continue ma che vi permette di riuscire a gestire anche le eccezioni senza sensi di colpa o preoccupazioni per la vostra salute e il vostro benessere? Io sono convinta che potrebbe cambiarvi la vita!!! Ecco allora che nasce questo spazio attraverso cui scambiare riflessioni e idee, appunti e ricette.