La Curcuma è una radice dal caratteristico colore giallo, da cui il nome Zafferano d’India. Comunemente la troviamo in forma di polvere, qui da noi è più difficile trovare la curcuma fresca. E’ una spezia ampiamente utilizzata in India, in Cina, anche in Marocco e consigliata caldamente nella tradizione ayuverdica. Ha un sapore pepato, caldo e amaro, con un profumo leggero che ricorda un po’ gli agrumi.
Le sue molteplici proprietà ne fanno una spezia quasi miracolosa, anche la letteratura scientifica più stretta ne tesse le lodi. Difatti è dimostrato che la curcumina, il principio attivo che la caratterizza, è in grado di:

  • Migliorare la salute del nostro fegato favorendone la detossificazione
  • Aiutare a mantenere nei limiti il colesterolo prevenendone anche l’ossidazione, quindi essere ottimo per prevenire malattie cardiovascolari essendo proprio il colesterolo ossidato il fattore che porta alla formazione delle placche aterosclerotiche.
  • Essere un valido rimedio per meteorismo e flatulenza, nonché rivelarsi come efficace antispastico
  • Essere un potentissimo antiossidante (quasi un elisir di giovinezza).
  • Esercitare un effetto anticancerogeno. Diversi studi hanno dimostratoche è in grado di inibire la proliferazione cellulare legandosi all’EGFr, inibendo il NF-kb, aumentando l’attività della proteina p53 (tutti attori di rilievo nella cancerogenesi). Non solo, la curcumina è in grado di inibire la formazione delle nitrosammine (cancerogene), aumentare la produzione di glutatione, prevenire una eccessiva produzione di ciclossigenasi 2.
  • Essere un valido integratore per i fumatori accaniti
  • Fungere da antivirale naturale
  • Contrastare dolori articolari ed infiammatori (è comune anche l’utilizzo di impacchi sulle zone doloranti)
  • Aiutare a calmare i dolori mestruali

 

E’ chiaro quindi che in quanto nutrizionista io cerchi sempre di consigliare ai miei pazienti di aumentare il consumo di questa spezia (e non solo). E’ veramente una spezia che può essere usata facilmente, molto versatile:

  • nei curry
  • insieme ai legumi, lenticchie specialmente
  • per accendere ancora di più una insalata di uova
  • per condire le insalatone miste, aggiungendola all’olio e limone o aceto
  • nelle zuppe

Ciononostante perché la dieta sia effettivamente antinfiammatoria, disintossicante e antiossidante bisognerebbe avere modo di poter, almeno per un certo periodo (un ciclo di cura dura circa 40 giorni), consumare una quantità utile di curcuma e in modo costante. Ecco che ci viene in aiuto il Golden Milk, un rimedio ayuverdico da consumare quando si vuole, ideale la sera perché regolarizza il sonno e rilassante. E’ veramente ottimo, soprattutto nei mesi più freddi.


 

Come si prepara?

Possiamo procedere in 2 fasi distinte, che vedrete sono molto semplici e veloci.

FASE 1. Preparazione della PASTA DI CURCUMA che si conserverà per 2-3 settimane in un contenitore di vetro in frigorifero. Naturamente con questo impasto ci potete anche cucinare e insaporire quello che volete.

Ingredienti per la preparazione dell’impasto a base di curcuma :

  •  120 gr acqua (ma si va un po’ a occhio)
  • 60 gr curcuma

Procedimento per la pasta di curcuma:
In un pentolino mettere la curcuma aggiungere acqua fino a ottenere una pasta densa, procedere amalgamando con un cucchiaio di legno e a fuoco lento fino ad ottenere un composto liscio, fluido e omogeneo (3 e i 5 minuti, non di più, deve venire come in foto). Una volta pronto, mettere tutto in un contenitore di vetro e conservarlo in frigorifero.

pasta di curcuma


 

FASE 2. Preparazione giornaliera del latte

Ingredienti per la preparazione del latte :

  • una tazza di latte (o di mandorle o di riso o di cocco o un mix, questo è il mio consiglio per le loro proprietà nutrizionali e organolettiche. Tieni comunque presente che se consumi latte vaccino abitualmente puoi usarlo come anche altri latti vegetali)
  • 1 cucchiaio di olio di sesamo (o EVO o Cocco)
  • 1 cucchiaio di miele (o stevia se piace, o zucchero di cocco o nulla)
  • 1 pizzico di cannella
  • 1 pizzico di pepe (è consigliata l’associazione con piperina = pepe).

Procedimento per il Golden Milk:
In un pentolino mettere il latte, un cucchiaino di preparato alla curcuma, un cucchiaino di olio di sesamo (io ho usato l’olio EVO e va benissimo), un cucchiaino di miele, un po’ di pepe macinato (vedete voi quanto vi piace il piccante, tenete comunque conto che il pepe lavora in modo sinergico con la curcuma, quindi serve) + una spruzzata di cannella se vi piace (anche la cannella ha proprietà interessanti come ad esempio essere ipoglicemizzante). Mescolare a fuoco lento oppure mettere nel microonde e scaldare il tutto (indovinate cosa ho fatto io? Microonde ovvio).

Se proprio vogliamo fare una bevanda goduriosa si può frullare a questo punto, con un semplice frullatore a immersione, in modo che si crei una schiumetta dorata che fa tanto cappuccino ma non lo è.

Bevete!!!!!

Latte-doro-01


 

A chi la consiglio:
Un po’ a tutti farebbe bene magari 2-3 volte a settimana, in particolare consiglio di effettuare un ciclo di 40 giorni (1 tazza ma in alcuni casi anche 2 al giorno) a chi soffre di dolori articolari, agli sportivi, a chi segue una dieta antinfiammatoria e disintossicante, a chi necessita di un periodo di disintossicazione epatica.
Ricordate, siccome siamo ancora sotto le feste, la curcumina aiuta anche a gestire gli eccessi di cibo e alcol classici di questi giorni, quindi a buon intenditor…..

P.S. Contro il mal di gola si può prendere direttamente mezzo cucchiaino della pasta di curcuma e a seguire un bicchier d’acqua per deglutire. Ripetilo due volte al giorno, fino a quando i sintomi del mal di gola non andranno ad affievolirsi. Provare per credere.

N.B. Questi ovviamente sono consigli generali, se stai pensando di seguire un ciclo di 40 giorni e prendi farmaci in modo costante sarebbe meglio consultare il tuo medico curante e chiedere il suo parere prima.


 

Bibliografia:

    • Arbiser, J.K. et al Curcumin in an in vivo inhibitor of angiogenesis. Mol Med 1998; 4: 376-383
    • Chen, H. et al Curcumin inhibits cell proliferation by interfering with the cell cycle and inducing apoptosis in colon carcinoma cells. Anticancer Res. 1999, 19: 3675-3680
    • Gururaj, A. et al Molecular mechanisms of anti-angiogenic effect of curcumin. Biochem Biophys Res Commun 2002, 297: 934.
    • Polasa K et al Effect of tumeric on urinary mutagens in smokers. Mutagenesis, 1992, 7: 107-109.
    • Vecchi Brumatti L. et al Curcumin and Inflammatory Bowel Disease: Potential and Limits of Innovative Treatments. Molecules. 2014 Dec 16;19(12):21127-21153
    • Tizabi Y et al Relevance of the Anti-Inflammatory Properties of Curcumin in Neurodegenerative Diseases and Depression. Molecules. 2014 Dec 12;19(12):20864-20879.
    • Priyadarsini KI. The Chemistry of Curcumin: From Extraction to Therapeutic Agent. Molecules. 2014 Dec 1;19(12):20091-20112.
    • Aggarwal, B.B.et al Anticancer potential of curcumin: Preclinical and clinical studies. Anticancer Res. 2003, 23, 363–398.